Face/off (1997)

142472

Cosa può venir fuori dal perfetto connubio fra due pilastri del cinema hollywoodiano? Un perfetto thriller che solo menti geniali come Michael Duglas e John Whoo potevano pensare di realizzare. Face/Off è un film del 1997 diretto da John Whoo che vede due assoluti protagonisti: Nicolas Cage, nella parte di un terrorista e John Travolta in quella di un poliziotto.

Unica nota dolente, è l’inizio un po’ scontato: poliziotto dalla vita infelice, il figlio ucciso da un terrorista conosciuto come Castor Troy e desideroso di vendetta, a tal punto da trascurare la moglie, distrutta anche lei dalla tragedia. Non è una novità che la vendetta spinga i protagonisti di avvincenti thriller come questo, verso azioni incontrollate e decisamente fuori dal comune.

Tuttavia, il resto della pellicola ha in se l’elemento estremamente affascinante che è la perdita dell’identità, vivere nel corpo dell’uomo che si odia maggiormente pur di salvare la vita  a milioni di persone innocenti. Per questo John Whoo è da definire un vero e proprio genio e merita gli apprezzamenti riscossi dal pubblico e dalla critica.

Per quanto riguarda la tramma, è da definire decisamente una ”chicca” cinematografica per i risvolti in attesi: Sean Archer è un agente dell’Fbi che durante un’azione di polizia si trova di fronte Castor Troy, un pericoloso terrorista in possesso di una bomba micidiale, e che in un’azione precedente gli ha ucciso il figlioletto.

Un giorno un incidente manda in coma il terrorista e la cosa permette a Sean, grazie a un intervento chirurgico, di prenderne le sembianze per cercare di neutralizzare la bomba. Il criminale però esce dal coma e rende la pariglia installandosi nell’ufficio di Archer…

Archer così, si ritrova a vivere completamente nei panni del suo acerrimo nemico, cercando in tutti i modi di salvare la moglie e preservarla dal pericolo, scoprendo aspetti inattesi della vita di Troy.

Da notare come all’action si unisca un’atmosfera degna di un film horror, lo stesso criminale (Nicolas Cage) ha un non so che di lugubre e rappresenta esattamente lo stereotipo di antagonista di queste pellicole: spietato, folle e assetato di sangue.

Solo un genio come Whoo si è potuto permettere di prendere due divi, di diversa qualità, e giocarci proprio  face to face, cioè come in Face/Off, cambiarli, ricambiarli e scambiarli in un modo che solo nei cartoni animati si poteva vedere, mentre qui siamo in un film con volti reali ed il gioco è più che emozionate.

 

Il trailer

1 Commento a “Face/off (1997)”

  1. Snowy scrive:

    1d4Until the execs start allowing some of the really good engineers and PMs to move from Search to android and chrom, our offerings here will be sub-par. One of the reasons why Android has so many flakey edges is that Search monopolizes like 99% of the talent. And to be quite honest, within Google Search is the only place to get really noticed by the insiders. That might be changing with Anr8;id&#d217os new prominence, but it’s still mostly a backwater.3 dd 45

Scrivi un commento

Powered by WordPress | Web Concept by: Webplease